Aggiornamento del Decreto criteri minimi ambientali

http://www.anit.it/wp-content/uploads/2017/02/Allegato-2.pdf

2.4.2.1 Calcestruzzi confezionati in cantiere, preconfezionati e prefabbricati

I calcestruzzi usati per il progetto devono essere prodotti con un contenuto minimo di materiale riciclato (secco) di almeno il 5% sul peso del prodotto (inteso come somma delle singole componenti).

Al fine del calcolo della massa di materiale riciclato va considerata la quantità che rimane effettivamente
nel prodotto finale.

Verifica: Il progettista deve specificare le informazioni sul profilo ambientale dei prodotti scelti e deve prescrivere che in fase di approvvigionamento l’appaltatore dovrà accertarsi della rispondenza al
criterio. La percentuale di materiale riciclato deve essere dimostrata tramite una delle seguenti opzioni:

  • una dichiarazione ambientale di Tipo III, conforme alla norma UNI EN 15804 e alla norma ISO 14025;
  • una certificazione di prodotto rilasciata da un organismo di valutazione della conformità che attesti il contenuto di riciclato come ReMade in Italy® o equivalenti;
  • una autodichiarazione ambientale di Tipo II conforme alla norma ISO 14021, verificata da un organismo di valutazione della conformità.

Tale documentazione dovrà essere presentata alla stazione appaltante in fase di esecuzione dei lavori, nelle modalità indicate nel relativo capitolato.

Mi auguro che questa sia davvero la volta buona giacché spesso capita di trovare da parte delle direzioni lavori un pervicace, ostinato, categorico rifiuto dell’uso di qualsiasi tipo materiale riciclato in appalti pubblici.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: